terni
terniOfferte di lavoro a TerniCase a TerniLast minute e viaggiAuto e moto usate e nuoveElettronica, abbigliamento, arredamentoTerni BlogTerni in Rete Incontri
Radio Galileo
Log in
  • Login
  • Password
  • Registrati come utente Hai dimenticato la tua password?
  • Salva password all'accesso

Statistiche

dati:
Informazione locale
Classifiche calcio
Risultati e classifiche
Dalla parte del cittadino
Ricerche dalla rete e sponsor
Rubriche
Links
Oroscopo Radio Galileo
Nessun articolo disponibile
Links correlati
Links

Links 

I nostri partner

    Autore

    Giornalista pubblicista dal 1988 con ambito lavorativo principale nel settore sportivo. Radiocronista e conduttore televisivo collabora da più di 25 anni con Radio Galileo e Tele Galileo, Nel corso degli anni ha realizzato video celebrativi di successo sulle più belle imprese della Ternana degli... [continua...]

    Links correlati
    Articoli correlati
    Nessun articolo correlato
    Links correlati
    Nessun link correlato
    Classifiche
    38° GIORNATA - 18/5/2014
    CataniaAtalanta 2 - 1
    ChievoInter 2 - 1
    FiorentinaTorino 2 - 2
    GenoaRoma 1 - 0
    JuventusCagliari 3 - 0
    LazioBologna 1 - 0
    MilanSassuolo 2 - 1
    NapoliVerona H. 5 - 1
    ParmaLivorno 2 - 0
    UdineseSampdoria 3 - 3
    CLASSIFICA - 38° GIORNATA
    Juventus102
    Roma85
    Napoli78
    Fiorentina65
    Inter60
    Parma58
    Torino57
    Milan57
    Lazio56
    Verona H.54
    Atalanta50
    Sampdoria45
    Udinese44
    Genoa44
    Cagliari39
    Chievo36
    Sassuolo34
    Catania32
    Bologna29
    Livorno25
    Fotogallery Sportiva
    Informazioni

    Strumenti

    Statistiche

    • Letto: 2028
    • Segnalato: 0

    Stanno leggendo ora

    • 1 anonimo.

    Giudizi e voti (2)

    100%

    Ricerche dalla rete e sponsor
    Articolo
    Sei in: TERNI IN RETE (26223)  Informazione (15515)  Sport (1387)

    LIBERO LIBERATI, CINQUANT'ANNI DA QUELL'INFAUSTO GIORNO!!!

    28 Febbraio 2012 21.29 - di Ivano Mari - Fonte: Radio Galileo - cod.321838

    LIBERO LIBERATI E DUKE A MONZA NLLA 500 cc

    LIBERO LIBERATI E DUKE A MONZA NLLA 500 cc

    Informazione / Sport :: LIBERO LIBERATI, CINQUANT'ANNI DA QUELL'INFAUSTO GIORNO!!!

     Nessun video o audio disponibile

     Nessuna documentazione disponibile

     Il mito di Libero Liberati vive ancora e vogliamo rendere omaggio all'uomo che ha fatto emozionare di più i ternani.

    Si avvicina la data del 5 marzo, giorno in cui 50 anni fa ha conosciuto la morte un grande Campione, Libero Liberati, in quella dannata curva a Cervara.
    www.terninete.it vuol ricordare con una breve storia della sua carriera un uomo, Libero Liberati, che ha fatto impazzire ed appassionare generazioni di ternani. Anche chi non l'ha conosciuto è vissuto nel mito di Liberati ed ancor oggi ognuno di noi vuol ricordarlo intensamente anche per il lustro che ha dato alla città di Terni.

    Non c'è ternano, giovane od anziano che sia, che non conosca, anche per sentito dire, le gesta sportive di quel campione di motociclismo che è stato Libero Liberati.

    Umile, semplice, ma con una passione per i motori che dimostra già da piccolo lavorando da meccanico nell'officina di Giulio Allegretti.
    Ed è proprio per l'intuizione di quest'ultimo che Libero inizia a correre facendo l'esordio nella gara in salita Fontivegge-Perugia.

    La sua bravura non sfugge ad un signore di Civitacastellana, un tal Brunelli, che gli mette a disposizione per correre una Guzzi Condor con cui Libero comincia ad ottenere le prime soddisfazioni, i primi successi.
    E' la città di Terni ed i ternani che, intuito il grande talento di Libero decidono di fargli un regalo. E che cosa meglio di una moto? Una Guzzi Dondolino. E grazie anche all'interessamento del locale Moto Club.
    E lui ripaga tutti con vittorie su vittorie convincendo anche quei pochi scettici ternani che non credevano nel talento del giovane Liberati.
    Negli anni successivi sostituì il Dondolino con una Gilera e, recatosi ad Arcore per alcuni pezzi di ricambio, conobbe il commendator Gilera che, intuito il talento del ragazzo ternano, gli fece provare la Gilera quattro cilindri sul circuito di Monza.

    E' qui che Libero Liberati stupisce tecnici e meccanici che cominciano a stimarlo e a credere ciecamente nelle sue potenzialità tanto che nell'anno successivo la Gilera lo fa correre nel motomondiale nelle prove in programma in Olanda, Svizzera e Spagna.
    Intanto in Italia miete successi e nella classe 500 alla fine della stagione è vice campione italiano.
    E' nel 1956 che con la sua Gilera inizia a sbaragliare la concorrenza in Italia ed anche nel motomondiale i più titolati cominciano ad accorgersi del suo valore. Se ne accorge, soprattutto a Monza, Geoffrey Duke nella classe 500.

    Liberati dopo aver vinto magnificamente nella 350 ingaggia un duello con Duke davvero entusiasmante e solo l'ordine arrivato dai box consente all'inglese di precedere il ternano sul traguardo.
    E' l'anticamera della sua esplosione: la Gilera nel 1957 lo fa correre quasi esclusivamente nelle prove mondiali e già al primo gran Premio è un successone. Liberati domina la classe 350 ma a pochi chilometri dal traguardo scivola e si procura un guaio ad un piede che avrebbe potuto escluderlo, come consigliato dai medici di turno, dalla successiva gara delle 500.

    Lui, però, è un combattente, vuole arrivare in alto e dopo una fasciatura rigida prende il via e domina, vincendola, la corsa ad oltre 200 km di media.
    Conclude la sua esaltante stagione, fatta di prestigiose vittorie, al Gran Premio delle Nazioni di Monza. Dopo un iniziale duello con Surtees, Liberati vince con grande autorevolezza e con grande classe aggiudicandosi il titolo di Campione del Mondo della classe 500. Sulle ali del successo la Gilera lo manda in torunèè in Argentina ed in Uruguay dove anche lì dimostra il suo valore ed il suo talento.

    Ormai Libero è un campione straordinario ed anche i suoi avversari gli riconoscono delle doti straordinarie in sella alla moto. Il destino, però, gli gioca un brutto scherzo: la Gilera, infatti, si ritira dalle corse nel 1957 appiendando il nostro campione che viene, però, contattato da altre case, tra cui MV AUGUSTA, ma lui, ammaliato dalla Gilera ed in più perchè non voleva tradire chi gli aveva permesso di conquistare il titolo mondiale, ovvero il cav. Gilera, rinuncia l'offerta ed un ingaggio stratosferico.
    Anche perchè confidava in un ripensamento del cavaliere che, però, non arrivò.
    E così torna alla sua moto privata ma i risultati non sono eccellenti perchè non poteva competere con mezzi troppo più veloci. Nel 1959 accetta di correre nella classe 250 con la Moto Morini ma la cilindrata non gli si adatta ed in più ci mette lo zampino anche la sfortuna.

    Nel 1960 corre ancora con la sua Saturno che con la sua competenza di meccanico porta a livelli di rendimento accettabili anche in sole due corse ottiene piazzamenti discreti. Ad Imola conquista il sesto posto e a Cesenatico il terzo.
    Nel 1961 con il ritiro della MV il campionato italiano appariva più equilibrato ma a mettere i bastoni tra le ruote a Liberati arriva la Bianchi con Ernesto Brambilla. Liberati poteva anche farcela a conquistare il titolo italiano nelle 500 ma la Bianchi, avvertito il pericolo di non farcela, affianca Brambilla con Grassetti con lo scopo di proteggere la prima guida.
    Ma il chiodo fisso di Libero Liberati è di aspettare il ritorno di Gilera alle corse. Aspetta inutilmente e decide, alla fine, di affrontare una nuova annata sportiva con la sua Saturno. Purtroppo, però, mentre stava allenandosi per prepararsi al meglio una scivolata, a Cervara, lo porta a sbattere contro la roccia.

    Non ci fu niente da fare. Il 5 marzo del 1962 Liberati morì sulla curva di Cervara lasciando nel dolore una città intera, una città che lo ha amato e continua ad amarlo non solo per i suoi successi sportivi ma anche per la sua modestia e per la sua semplicità. La celebrità, infatti non l'aveva cambiato. Libero Liberati era quello che ai ricevimenti ed alle feste in suo onore preferiva la famiglia o la partita a carte al bar Rossi, a Città Giardino, con i suoi inseparabili amici, tra cui Aldo Coccetta ed Elvino Rapanelli, depositari di storie ed aneddoti straordinari del grande Libero.
    Un mito per noi ternani, ma non solo per noi!
    Torna ad inizio pagina 
     Risultati e classifiche dei campionati sportivi
     Commenta l'articolo nel forum
    Contatta Ivano Mari Contatta l'autore: Ivano Mari
    Condividi su Facebook
    Feed RSS dei prodotti cercati
    Novità di oggi  Feed RSS di questa vetrina
    Informazione :: Ternana Calcio :: TERNANA, SI RIAPRE LA TRATTATIVA CON VITALE

    28/7/2014 23.46

    TERNANA, SI RIAPRE LA TRATTATIVA CON VITALE

    Informazione :: Ternana Calcio :: TERNANA, INTERVISTA CON FELIPE AVENATTI - DA TELE GALILEO

    28/7/2014 14.55

    TERNANA, INTERVISTA CON FELIPE AVENATTI - DA TELE GALILEO

    Informazione :: Ternana Calcio :: TERNANA, A NORCIA NEL POMERIGGIO RIPRENDE LA PREPARAZIONE

    28/7/2014 00.22

    TERNANA, A NORCIA NEL POMERIGGIO RIPRENDE LA PREPARAZIONE

    Informazione :: Ternana Calcio :: TERNANA: SALA ROSSOVERDE PER ALTRI TRE ANNI

    26/7/2014 18.03

    TERNANA: SALA ROSSOVERDE PER ALTRI TRE ANNI

    Informazione :: Ternana Calcio :: TERNANA, FRANCESCO ZADOTTI  AMMETTE L'ESISTENZA DI DUE TRATTATIVE PER LA CESSIONE SOCIETARIA

    26/7/2014 02.11

    TERNANA, FRANCESCO ZADOTTI AMMETTE L'ESISTENZA DI DUE TRATTATIVE PER LA CESSIONE SOCIETARIA

    Informazione :: Ternana Calcio :: TERNANA, E' TEMPO DI CHIUDERE PER ERAMO E VITALE

    25/7/2014 02.36

    TERNANA, E' TEMPO DI CHIUDERE PER ERAMO E VITALE

    Terni    |    Cronaca    |    Rubriche    |    Eventi    |    Forum    |    Condizioni del servizio    |    Privacy    |    Pubblicità    |    Contatti

    Testata giornalistica Reg. Trib. di Terni il 05/06/09 al nr. 905 N. 07/09 - Direttore Responsabile: Marcello Guerrieri

    On Web - Villaggio Achille Grandi, 20 - 05100 Terni - PI 01417770557