terni
terniOfferte di lavoro a TerniCase a TerniLast minute e viaggiAuto e moto usate e nuoveElettronica, abbigliamento, arredamentoTerni BlogTerni in Rete Incontri
Radio Galileo
Log in
  • Login
  • Password
  • Registrati come utente Hai dimenticato la tua password?
  • Salva password all'accesso

Statistiche

dati:
Informazione locale
Classifiche calcio
Risultati e classifiche
Dalla parte del cittadino
Ricerche dalla rete e sponsor
Rubriche
Links
Oroscopo Radio Galileo
Nessun articolo disponibile
Links correlati
Links

Links 

I nostri partner

    Autore

    La Dott.Monia Zambernardi è libera professionista in Nutrizione e specialista in intolleranze alimentari. Svolge la sua attività verso singoli individui e collettività ( palestre, scuole, centri di dimagrimento, centri geriatrici).

    Studio:
    Zona Fiore n. 1 05100 Terni
    Cell 346-7413869

    Links correlati
    Articoli correlati
    Nessun articolo correlato
    Links correlati
    Nessun link correlato
    Informazioni

    Strumenti

    Statistiche

    • Letto: 14454
    • Segnalato: 1

    Stanno leggendo ora

    • 2 anonimi.

    Giudizi e voti (3)

    70%

    Ricerche dalla rete e sponsor
    Articolo
    Sei in: TERNI IN RETE (26110)  Rubriche (1217)  Salute e benessere (59)  La nutrizionista (10)

    ARTICOLO ARCHIVIATO La depressione si cura anche a tavola

    1 Ottobre 2008 18.48 - di Monia Zambernardi - Fonte: Terni in rete - cod.150460

    Salute e benessere / La nutrizionista :: La depressione si cura anche a tavola

     Nessun video o audio disponibile

     Nessuna documentazione disponibile

     La depressione è un disturbo dell’umore, di cui soffre l’8% dell’umanità, ovvero un disturbo dello stato emotivo di base della nostra vita.

    La depressione è un disturbo dell'umore, di cui soffre l'8% dell'umanità, ovvero un disturbo dello stato emotivo di base della nostra vita. Normalmente, la persona di solito è in grado di reagire a temporanei peggioramenti d'umore, trovando dentro di sé le risorse per affrontare il problema. Nella depressione invece il peggioramento dell'umore tende a prolungarsi nel tempo, influenzando in negativo il comportamento della persona. Aspetti tipici della depressione sono: perdita di interesse, incapacità di provare gioia, mancanza di volontà, isolamento da vita familiare e sociale, sensazione di indifferenza affettiva nei confronti delle persone care, trascuratezza della propria persona, movimenti rallentati, voce affaticata, debolezza, disturbi del sonno, riduzione dell'appetito, riduzione della potenza sessuale.
    La frequenza di questa malattia è assolutamente indipendente dal tenore di vita dell'individuo, dalla nazionalità e dalla cultura predominante nel paese di origine. Non è ancora chiaro come le depressioni si sviluppino dal punto di vista neuro-fisiologico. Tuttavia negli ultimi anni è stato chiarito il fatto che il neurotrasmettitore serotonina riveste un ruolo importante nella formazione della malattia.

    La serotonina è un neurotrasmettitore sintetizzato nei neuroni nel sistema nervoso centrale, nonché nelle cellule enterocromaffini ( contengono circa il 90% della quantità totale di serotonina presente nell'organismo) nell'apparato gastro-intestinale .
    La sintesi della serotonina avviene a partire dall'aminoacido essenziale triptofano, che l'organismo non è in grado di sintetizzare, per cui viene introdotto con l'alimentazione.
    Le concentrazioni maggiori di serotonina si trovano:

    1) nella parete intestinale, dove la serotonina aumenta la motilità, in parte per un effetto diretto sulle cellule muscolari lisce e in parte per un effetto indiretto di tipo eccitatorio sui neuroni enterici. La serotonina inoltre a questo livello stimola anche la secrezione di fluidi; inoltre provoca nausea e vomito. Il riflesso peristaltico, è mediato, almeno in parte, dalla secrezione di serotonina .
    2) nel sangue, dove la serotonina è presente nelle piastrine, che dal plasma la rilasciano in seguito ad aggregazione, per cui se l'endotelio è intatto, la liberazione di serotonina dalle piastrine adese causa vasodilatazione, che permette lo scorrimento del flusso sanguigno; se esso è danneggiato, la serotonina causa costrizione e ostacola ulteriormente il flusso ematico.
    3) nel sistema nervoso centrale, dove la serotonina è un importante trasmettitore del SNC ed è presente in elevate concentrazioni in specifiche aree del mesencefalo. Nel sistema nervoso centrale, la serotonina svolge un ruolo importante nella regolazione dell'umore, del sonno, della temperatura corporea, della sessualità e dell'appetito. La serotonina è coinvolta in numerosi disturbi neuropsichiatrici, come l'emicrania, il disturbo bipolare, la depressione e l'ansia.

    La serotonina, fa parte della quotidianità popolare da quando sono diventate frequenti le prescrizioni mediche dei farmaci antidepressivi per aumentarne la disponibilità nel sistema nervoso di pazienti in condizioni di avvilimento e disinteresse alla vita. Di questi farmaci - detti inibitori selettivi del riassorbimento della serotonina" (SSRI la sigla) - il più noto e utilizzato è stato il "Prozac" detto anche "pillola della felicità".

    Che l'emotività di una persona influenzi le sue scelte alimentari e viceversa è cosa nota, meno note sono le modalità (principi, meccanismi, reazioni, effetti) con le quali il cibo condiziona l'umore. Seppur non in modo meccanico - cioè istantaneo, diretto, ripetibile, sempre uguale - l'umore e il "tono psicofisico generale" può quindi cambiare, persino essere guidato da quello che una persona mangia in base a reazioni biochimiche indotte dal cibo. A riguardo è stato appurato che una minore disponibiltà di "serotonina" nei neuroni può aver quali effetti momenti di rabbia o di depressione. Inoltre, da quando si è capito che l'attività dei neuroni che producono "serotonina" è legata strettamente al lavoro dei grandi muscoli ed innanzitutto a quello degli arti, si può dire che il moto (specie la corsa) sia uno stimolo alla produzione di "serotonina", che viceversa si riduce drasticamente se l'attività fisica cessa, è troppo prolungata e si fa sfibrante.
    Se la "serotonina" somiglia ad una sorta di "e-mail", che manda al cervello messaggi ottimistici di buon umore, piacevoli sensazioni di pienezza e soddisfazione favorevoli al sonno e alla fame, quali cibi favoriscono la sintesi della cosiddetta "molecola della felicità"? In genere, la "serotonina" aumenta mangiando gli "zuccheri semplici" , questo spiega perché malinconici e depressi tendano a fare abuso dei dolci. Si può comunque, preferire ai dolci, cibi meno calorici: ortaggi, frutta, verdura e pesce. Più precisamente, indivia ed asparagi, patate, spinaci, biete, cavolfiori, lattuga, pomodori, peperoni, radicchio, melanzane. Poi pure avocado, ananas, arachidi, banana, kiwi, prugne, noci, agrumi (ricchi di vitamine C e E, oltre ad avere un'azione antiossidante frenano la formazione dei radicali liberi migliorano l'umore, contrastano il declino cognitivo e la depressione). Oltre a proteggere dall'infarto e a beneficiare il sistema immunitario, anche gli acidi grassi polinsaturi del pesce (detti "Omega 3") frenano la depressione. La Dieta mediterranea ricca di pesce, frutta, verdura, cereali è dunque preziosa anche per l'umore. Invece l'eccesso di proteine frena l'arrivo del triptofano nel cervello e riduce la serotonina. Ha un'azione più efficace e rapida il triptofano che viene da zuccheri semplici (miele e frutta), più lenta se da quelli complessi (cereali). Ma senza le vitamine B3, B6, C, il triptofano non si trasforma in serotonina. La B3 si trova in grano, orzo, legumi, pomodori, latte, formaggi, pesce, carote, patate; la B6 in latte, pesce, cereali, patate, formaggi, spinaci, fagioli, carote, la C in frutta e verdura fresca (specie agrumi, kiwi, peperoni, broccoli).
    Torna ad inizio pagina 
     Commenta l'articolo nel forum
    Contatta Monia Zambernardi Contatta l'autore: Monia Zambernardi
    Condividi su Facebook
    Feed RSS dei prodotti cercati
    Novità di oggi  Feed RSS di questa vetrina
    Mercatino :: Offro - Lavoro e servizi :: Si cercano badanti italiane

    24/7/2014 18.26

    Si cercano badanti italiane

    Mercatino :: Offro - Lavoro e servizi :: Cerca urgentemente una badante 24 ore

    22/7/2014 16.40

    Cerca urgentemente una badante 24 ore

    Mercatino :: Offro - Lavoro e servizi :: Cooperativa miltiservizi cerca badanti

    21/7/2014 17.04

    Cooperativa miltiservizi cerca badanti

    Mercatino :: Offro - Lavoro e servizi :: Cerca  una colf di mezza età possibilmente italiana

    21/7/2014 16.59

    Cerca una colf di mezza età possibilmente italiana

    Mercatino :: Offro - Lavoro e servizi :: Cerca una badante per due mesi

    20/7/2014 11.19

    Cerca una badante per due mesi

    Mercatino :: Offro - Lavoro e servizi :: Cerca badante possib italiana

    20/7/2014 11.18

    Cerca badante possib italiana

    Terni    |    Cronaca    |    Rubriche    |    Eventi    |    Forum    |    Condizioni del servizio    |    Privacy    |    Pubblicità    |    Contatti

    Testata giornalistica Reg. Trib. di Terni il 05/06/09 al nr. 905 N. 07/09 - Direttore Responsabile: Marcello Guerrieri

    On Web - Villaggio Achille Grandi, 20 - 05100 Terni - PI 01417770557